Argento e bronzo ai Mondiali Universitari

Dopo la preparazione il via alle gare: Almaty, la capitale del Kazakistan, ha dato il là alla seconda edizione dei Campionati Mondiali Universitari di pattinaggio di velocità.

Dodici i paesi rappresentati: Bielorussia, Estonia, Finlandia, Italia, Mongolia, Olanda, Norvegia, Polonia, Russia, Svezia, Taipei e Kazakistan per un totale di 77 atleti, 44 uomini e 37 donne.

La spedizione azzurra è partita subito con il piede giusto portando a casa le prime due medaglie: alla Medeu Alpine Ice Arena, il primo successo è firmato Mirki Nenzi. Non è un oro, ma un ottimo terzo posto nei 1500 metri maschili: il veneziano, portacolori delle Fiamme Gialle, ha fermato il crono a 1.51.38, assicurandosi il bronzo alle spalle del polacco Jan Szymanski, capace di stabilire il primato della pista in 1.47.32, strappando il primato precedente ad Alexander Zhigin (1.51.91) stabilito il 19 dicembre 2006. Fra il polacco e l’azzurro si è intromesso il russo Dmitry Fedotov che ha concluso la prova sulla lunga distanza in 1.50.73.

Gli altri due italiani impegnati in gara, Michele Malfatti (1.54.24) e Alessio Trentini (1.55.75) si sono classificati rispettivamente nono e quattordicesimo.

Ottima anche la squadra maschile ad inseguimento che ha conquistato l’argento (3.57.65), alle spalle della Polonia (3.56.82); bronzo alla Norvegia (4.01.71).

 

L.R.


TAG: FISU