Ari e Yuri a mille!

Arianna e Yuri, ovvero Fontana e Confortola! Al termine della due giorni torinese, sono loro ad assicurarsi il titolo italiano assoluto di short track 2015, disputati al “Palatazzoli” del capoluogo piemontese.

Un successo costruito fin dalla prima giornata con i due portacolori delle Fiamme Gialle (Arianna Fontana) e del C.S. Forestale (Yuri Confortola) a dominare le gare d’apertura.25 gli atleti in campo maschile e 18 le donne, con un format che prevede nella prima giornata i 1500 e i 500 metri, gare in cui sia Fontana, sia Confortola, prendono subito le misure agli avversari, per poi lasciarseli alle spalle.

La forma della Fontana è splendida e l’azzurra, nei 1500m, impiega davvero poco a dimostrare il suo feeling con il ghiaccio: nella Finale A dall’ultima posizione controlla, studia, parte e saluta, stando ad osservare chi si aggiudicherà il secondo e terzo posto: Elena Viviani su Lucia Peretti (Bormio Ghiaccio).

Guardia di Finanza che colora completamente il podio dei 500m. Solita accelerazione al fulmicotone di Arianna Fontana con Elena Viviani che ci prova in tutti i modi a complicare la vita all'azzurra. Arianna, prima si difende egregiamente, poi innesta il turbo e saluta la compagnia: seconda vittoria con la Viviani e Arianna Valcepina, entrambe Fiamme Gialle, a seguirla, nell’ordine per l’argento e il bronzo.

Cambiano i protagonisti in campo, maschile, rimane un denominatore comune: a vincere è sempre lo stesso atleta, Yuri Confortola, in questo caso. Il 28 valtellinese nella finale dei 1500m deve fare i conti, principalmente, con il ventunenne milanese Tommaso Dotti e Nicola Rodigari. Nella bagarre, innestata dai due, spunta Yuri che va a vincere davanti a Dotti (Fiamme Oro) e Nicola Rodigari (Forestale).

Stessa musica o quasi, nei 500m, figlia di un copione già visto con Dotti e Confortola protagonisti. Cambia la modalità: si decide tutto sul fil dei centimetri con Yuri che “infila” il successo per soli 22 centesimi sul duo Dotti e Viscardi, secondo e terzo.

La seconda e conclusiva giornata mette in onda i 1000m, la Superfinal dei 3000 e 5000m. e le staffette. Doppietta, anche in questo caso, per Arianna Fontana! Nei 1000m, la valtellinese, dopo aver fatto sfogare Viviani e Peretti, a due giri dalla conclusione rompe gli indugi si infila all’esterno e va a vincere su Viviani e Peretti, nell’ordine.

Il weekend “Perfetto” arriva con i 3000mSuperfinal a otto che non assegna il tricolore. La Fontana trova inizialmente, in compagnia di Lucia Peretti, un allungo che le fa guadagnare un giro, poi stacca la portacolori del Bormio Ghiaccio e se ne va a vincere in scioltezza, davanti alla Peretti stessa e Elena Viviani.

In campo maschile, la giornata conclusiva ha visto l’uno-due di Confortola: apriamo con i 1000 metri. Il valtellinese se li assicura relegando Rodigari al secondo e Massimo Gurini al terzo posto. Ad animare la gara arriva la squalifica di uno dei favoriti: Tommaso Dotti, penalizzato e retrocesso all’ultimo posto per un contatto con Matteo Compagnoni.

Superfinal, utile solo a detereminare le “gerarchie” dietro Confortola. Tra gli otto al via, si distingue dapprima Massimo Gurini che guadagna subito un giro di vantaggio, ma la vittoria finale va a Tommaso Dotti: prima vittoria dopo la tripletta del neo campione d’Italia.

Prima di calare il sipario sulla due giorni torinese, ecco le staffette miste delle società miste, composte in base alle classifiche individuali. Sui 3000 femminili trionfano Arianna Fontana, Asia Antonioli, Nicole Botter Gomez e Melissa Tunno. Fra gli uomini, nei 5000 volano Tommaso Dotti, Andrea Cassinelli, Tommaso Palle e Nicola Martinelli.

Overall, ovvero classifica finale generale vede Arianna Fontana laurearsi campionessa italiana con 40.000 punti, davanti ad Elena Viviani con 31.870 punti; bronzo a Lucia Peretti.

Yuri Confortola, del Gruppo Sportivo Forestale, infine, si aggiudica la “Overall” maschile, con 36.400 punti totali; argento tricolore per Tommaso Dotti con 29.277 punti, terzo, Nicola Rodigari con 22141.

Queste le dichiarazioni di Confortola al termine dei campionati: “Il tricolore mi mancava da due stagioni, qui a Torino ero all’80% della condizione e punto ad arrivare al culmine tra metà mese e febbraio in vista degli Europei e Mondiali. La cosa positiva è che oggi sono abbastanza soddisfatto perché arrivavo da un periodo non particolarmente positivo a livello di forma, ma sono riuscito a gareggiare bene. Per ora penso ad arrivare fino a marzo 2015. Dopo vedremo… L’idea è di continuare fino alle Olimpiadi del 2018, ma dovrò prima fare delle valutazioni a livello personale”.

Soddisfatta anche Arianna Fontana:Questi Campionati sono andati bene. Sensazioni positive e, visto anche l’ultimo periodo di carico, la risposta è stata buona. Gareggiare a Torino è sempre bello: mi ricorda la mia prima medaglia olimpica e la città mi ha sempre dato gioie, così è stato anche in questi Assoluti. Qui inoltre ho provato delle cose nuove in vista degli Europei tra due settimane”.

di Luca Reboa


TAG: Palatazzoli