Europei Allround: Giovannini 11°, Stefani 15°

Giornata conclusiva dei Campionati Europei Allround, a Chelyabinsk, in Russia, nel segno dell’Olanda e dell’esperienza di un fuoriclasse di nome Sven Kramer. L'olandese (149.928 punti) si è messo in bacheca il titolo continentale - e non poteva essere diversamente - di fronte al connazionale Koen Verweij (150.107) e al “padrone di casa”, il russo Denis Yuskov (150.696).

Un’ipoteca messa ventiquattr’ore prima con i 500m. e 1000m. suggellata, oggi, con la zampata del campione. La giornata decisiva si è aperta proprio nel segno di Yuskov che ha fatto suo il titolo nei1500m. (1.46.22), liquidando il bega Bart Swings (1.47.08), alla fine bronzo; nel duello “fratricida” Verweij vs Kramer, il primo ha avuto la meglio con il secondo tempo assoluto (1.46.28) e conseguente argento di specialità contro quello di Sven (1.47.41), quinto.

Bene anche i due azzurri, seppur tagliati fuori dalle medaglie: Luca Stefani (1.51.00) ha vinto il confronto con il tedesco Jonas Pflug (1.52.32): il crono gli è valsa la sedicesima posizione; una piazza più in alto, quindicesima, Andrea Giovannini che, nel testa-testa vinto dal norvegese Simen Spieler Nilsen (1.50.39), ha fissato il tempo a 1.50.47.

Fuori dalle prime otto posizione, i due azzurri si sono congedati dalla classifica generale in undicesima posizione, Andrea Giovannini con 114.107, e quindicesima Luca Stefani con 115.181.

I successivi 10.000 m., serviti ad assegnate il titolo, come abbiamo già visto, sono stati un “discorso” a tre, privato, fra Kramer, il norvegese Sverre Lunde Pedersen e Bart Swings.

Alla riprova dei fatti, bisogna ammettere che, in effetti, non c’è stata partita: troppo schiacciante la supremazia dell’olandese che, fermando il crono a 13.07.27, ha spazzato via la concorrenza rifilando sulla distanza 9 secondi al norvegese e tredici al belga.

 

 

di Luca Reboa


File allegati:
- Risultati Allround

TAG: Europei Allround