Figura, una storica Carolina Kostner è di bronzo ad Ostrava

Non si ferma la favola di Carolina Kostner. Dopo quasi tre anni di inattività, al grande ritorno in una competizione internazionale, la regina del ghiaccio azzurro centra la sua decima medaglia continentale e il 29° podio consecutivo in carriera. Una meraviglia concretizzatasi nella notte di Ostrava, in Repubblica Ceca, dove la gardenese delle Fiamme Azzurre non si piega allo strapotere russo e conquista un meraviglioso terzo posto agli Europei alle spalle soltanto della campionissima Evgenia Medvedeva e della connazionale Anna Pogorilaya. Il suo programma libero, sulle note di Vivaldi, mette in mostra grazia ed eleganza, con una maturità premiata dai giudici con 138.12 punti (64.45 di valutazione tecnica e 73.67 per i components) che, aggiunti ai 72.40 del corto, compongono un punteggio complessivo di 210.52. A poco più di dieci giorni dai 30 anni e a 10 anni esatti dal suo primo titolo continentale - il 27 gennaio 2007 -, Carolina Kostner è ancora la nostra stella più luminosa, capace di annullare il gap anagrafico con le avversarie più accreditate. E dopo la Kostner, l'Italia applaude anche Roberta Rodeghiero (Icelab), che dopo l'8° posto nel corto di mercoledì con 57.77 punti, realizza un libero da 103.23 (46.76 di valutazione tecnica e 56.47 per i components) con cui raggiunge quota 161, risultato che le vale la 9ª posizione e con cui centra per il terzo anno consecutivo la top ten delle atlete continentali.

 

Non solo donne però, perché la terza giornata di Ostrava ha visto aprirsi anche la competizione del singolare maschile con l'esecuzione del corto dalla tarda mattinata di oggi fino al pomeriggio. Nella gara finora comandata dal fuoriclasse spagnolo due volte campione del Mondo e quattro d'Europa Javier Fernandez, il nostro Ivan Righini (Icelab) si è classificato al 14° posto al termine di un primo segmento da 69.96 (34.45 di valutazione tecnica e 37.51 per i components) contraddistinto da qualche incertezza. Errori che il campione nazionale tricolore proverà a riscattare già domani nel libero, nell'ultima giornata di questa rassegna continentale. Molto bene il secondo azzurro in gara, Maurizio Zandron (Ice Skating Bolzano), che al debutto europeo ha centrato il nuovo primato personale nel corto con 63.79 (32.40 di valutazione tecnica e 31.19 per i components) che gli è valso la 18ª posizione provvisoria.

Domani dunque gran finale con in programma, alle 13.30, il libero della danza e, alle 17.50, quello del singolare maschile.


TAG: