Quinto posto per l'Italia dell'inseguimento!

Nella seconda giornata dei Mondiali di velocità pista lunga, alla Thialf Arena di Heerenveen, la nazionale orange conquista il titolo nella team pursuit, come da pronostico, davanti a Canada e Corea.

L’Italia ci prova ma termina a 5.67 dal trio delle meraviglie olandese Kramer, Verweij, de Vries, imprendibile da tutti e meritatamente campione del mondo 2015.

Il trio azzurro scende in pista con Andrea Giovannini, Luca Stefani e Nicola Tumolero per provarci: sull’altra metà della pista il trio polacco Brodka, Szymanski, Niedzwiedzki, nulla di irresistibile.

Infatti la sfida non è tanto contro i tre, quanto il cronometro: i primi due giri, Giovannini, Stefani e Tumolero  “odorano” il secondo posto: ma da qui i parziali di Canada e Corea si avvicinano più di tutti agli orange.

Italia che fissa il tempo sul 3:47.07 sufficiente per avere la meglio sulla Polonia con 3:48.94 e chiudere al quinto posto; ma la partita per le medaglie si gioca altrove! L’Olanda si ritrova a misurarsi proprio con la Corea alla quale rifila più di tre secondi: 3:41.40 contro 3:44.96.

Il trio asiatico, comunque, salva il gradino più basso del podio: nell’ultimo head to head, infatti, il Canada (3:44.09) non solo ha la meglio sulla Russia (3:46.78) - che si ritrova con la classica “medaglia di legno” fra le mani - ma si infila al collo l’argento.

 


File allegati:
- Risultati Mondiali Heerenveeen

TAG: Mondiali Pista Lunga Singole Distanze