Roberta Rodeghiero: a Bratislava la prima trasferta

Vigilia della prima trasferta importante, fuori dall’Italia, per l’azzurra Roberta Rodeghiero che, da oggi e fino al 5 ottobre, sarà impegnata a Bratislava nel “22° Memorial Ondrej Nepela”: evento inserito nel quadro dell’ “ISU Challenger Series 2014/2015”.

Una stagione partita con qualche novità, prima fra tutte lo stage di tre settimane a Montreal dove, Roberta, ha potuto toccare con mano la realtà canadese: È stato molto importante - spiega l’azzurra - questo confronto rapportandomi con persone diverse, che mi hanno aiutata e arricchita professionalmente”.

L’ esperienza con Manon Perron ha lasciato la sua impronta: “Mi sono trovata perfettamente a mio agio, riuscendo a migliorare tecnicamente, soprattutto la combinazione triplo-triplo, aggiungendo anche alcuni salti di maggior prestigio, come il triplo loop nel libero. È un aspetto che mi sta particolarmente a cuore: so di poter dare di più”.

Coreografie, montate in parte in Canada e in parte a Sesto S. Giovanni: ”A Montreal - prosegue - con Julie Marcotte ho montato le coreografie del programma corto, “Frozen”; mentre in maggio, prima di partire, avevo già terminato quelle del libero, “Evita”, insieme a Massimo Scali. Quando sono rientrata, dopo un breve riposo, ho proseguito la preparazione per un mese a Roane, più rilassata e circondata dalla famiglia, continuando il programma stabilito”.

Una Rodeghiero più sicura e determinata, che ha fatto la sua prima apparizione in una competizione ufficiale al “7° Lombardia Trophy”.

L’esordio  si è tradotto nel 4° posto in classifica - e migliore fra le europee - in una competizione in cui erano presenti alcune “big”, come la giapponese Miyahara e le sorelle svedesi Helgesson. Risultato doppiamente importante perché, grazie al minimo tecnico ottenuto, si è guadagnata il passaporto per Europei e Mondiali.

L’ultima analisi, della propria performance sull’evento lombardo, ce la fornisce proprio l’azzurra: “Volendo fare un bilancio di questa prima uscita, mi ritengo abbastanza soddisfatta. Potevo fare un po' meglio nel corto, con meno imprecisione negli elementi di salto".  

Stagione 2014/15: il sogno di Roberta Rodeghiero? “Gli obiettivi sono molteplici: a fine gennaio, migliorare l’11° posto degli Europei dell’anno scorso; quindi, a marzo,  disputare un buon Mondiale a Shangai. Se, poi, vogliamo parlare proprio di “sogni”… partecipare ad un evento del Grand Prix Senior… questo sarebbe davvero un gran bel sogno”.

Bratislava, però, è l’obiettivo immediato… “Continuerò a lavorare sulla solidità - conclude Roberta - per arrivare a presentare programmi più puliti e poi, a fine stagione, tireremo le somme”.

 

di Luca Reboa