Short Track, nasce il nuovo Centro Tecnico Federale

Courmayeur da tempo ospita gli allenamenti della squadra nazionale dello short track azzurro e da sabato 24 settembre il Courmayeur Forum Sport Center sarà confermato centro tecnico federale della nazionale italiana allenata da Kenan Gouadec. Qui, in una località che l'ha sempre accolta con affetto ed empatia, l'Italia costruirà le basi per i prossimi importanti impegni internazionali, sulla scia dei prestigiosi successi sportivi degli ultimi anni. Già sede delle preparazioni e degli allenamenti azzurri nelle passate stagioni, il Courmayeur Forum Sport Center, appositamente rinnovato con le più innovative tecniche del settore, sarà così riferimento per una disciplina d'eccellenza del panorama italiano che da questa novità non potrà che trarre giovamento anche in vista di una crescita complessiva dell'intero movimento.

Un traguardo importante anche per il Comune di Courmayeur dopo anni di intensa e proficua collaborazione (senza dimenticare il fattivo apporto del Csc Courmayeur) con la Nazionale. Lo stesso staff tecnico federale e la squadra azzurra, che hanno più volte espresso apprezzamento nei confronti della location e della struttura, si sono detti entusiasti di questa novità che apre alla nascita di un vero e proprio centro nevralgico dello short track nazionale, necessario ad ottimizzare la programmazione, così da avvicinarsi ancor di più il nostro livello a quello delle nazioni più forti del panorama internazionale.



L'inaugurazione ufficiale del centro tecnico federale, fissata per sabato 24 settembre alle ore 16, sarà anche l'occasione per mostrare al pubblico e alla stampa la pista ammodernata secondo le ultime innovazioni apportare in termini di sicurezza. Grazie anche all'impegno e al contributo del Comune di Courmayeur, il centro tecnico federale sarà infatti uno dei pochissimi impianti in Europa a poter vantare la presenza, a bordo pista, di materassi mobili di ultima generazione (spessi 90 centimetri, il doppio di quelli precedenti) senza più alcuna balaustra: un'innovazione che risponde a pieno ai più alti standard di sicurezza e che permetterà alla struttura di possedere i requisiti necessari per ospitare competizioni olimpiche. Un passo importante grazie al quale la Fisg ha potuto candidare Courmayeur per poter ospitare in futuro una tappa di Coppa del Mondo in un percorso di continua crescita che vivrà a gennaio 2017, con l'organizzazione degli Europei di short track a Torino, un momento di fondamentale importanza.

Ma il fine settimana del 24 e 25 settembre sarà anche l'occasione per vedere sul ghiaccio gli atleti azzurri dello short track impegnati nella "Coppa Courmayeur", la competizione inserita nel calendario internazionale che vedrà l'Italia, con tutti i suoi effettivi in campo, affrontare la Polonia in una due giorni da non perdere. Squadra junior e squadra senior, al maschile e al femminile: non mancherà nessuno a questo prestigioso appuntamento che darà al c.t. Gouadec le risposte che cerca a poco meno di un mese dalla prima tappa di Coppa del Mondo di Calgary, fissata a inizio novembre. "Sarà un test importante per capire a che punto siamo, tracciare un bilancio e calibrare il lavoro da qui al primo impegno ufficiale - spiega il c.t. -. Affrontare avversari di livello in una gara ufficiale ci servirà per abituarci a gestire la giusta tensione agonistica".


TAG: