UNIVERSIADI SPEED SKATING: oro di Mirko Nenzi nei 1000 metri

NENZI E' D'ORO NEI 1000 METRI DELLO SPEED SKATING. E' RECORD: PIU' VELOCE DELL'OLIMPIONICO FABRIS
Medaglia d’oro, record delle Universiadi e nuovo primato della pista.

Grande impresa per Mirko Giacomo Nenzi (24enne finanziere di Marano – Venezia, iscritto al corso di laurea in Scienze e Tecniche di Psicologia cognitiva applicata dell'Università di Trento) che ha conquistato una splendida medaglia d'oro nei 1000 metri maschili speed-skating alla Winter Universiade Trentino 2013 con il tempo di 1.09.32, battendo di quasi un secondo il polacco Jan Mark Szymanski, già vincitore di due gare alle Universiadi trentine (5.000 e 1.500 metri).

Nenzi, inserito in quartultima batteria e senza precisi riferimenti cronometrici, ha dato il meglio di sé, incrementando giro dopo giro il suo vantaggio su Szymanski (1.30.10 il tempo del polacco) e conquistando una meritata vittoria, con tanto di nuovo record della pista dell'Ice Rink Piné sulla distanza dei 1000 metri.

Non solo, però, perché il pattinatore veneto ha fatto segnare anche il nuovo record delle Universiadi: il precedente apparteneva niente meno che al campione olimpico di Torino 2006 Enrico Fabris, che alle Universiadi del 2007, sulla pista coperta dell'Oval di Torino, aveva fermato il cronometro sul tempo di 1.09.68. Unico brivido per Nenzi la prestazione del cinese di Taipei Sung Ching-Yang (già vincitore in Coppa del Mondo gruppo B) che nell’ultima batteria ha fatto registrare i due migliori passaggi, ma è poi calato nell’ultimo giro, conquistando comunque la medaglia di bronzo con il tempo di 1.10.64. Buona anche la prestazione degli altri azzurri, con il trentino Davide Bosa sesto in 1.11.08 (+1.76) e l’altoatesino Jan Daldossi decimo 1.11.93 (+2.61). Per Nenzi, invece, quella di oggi è la terza medaglia alla Winter Universiade Trentino 2013, dopo i due argenti conquistati sui 500 e 1.500 metri.

“Davvero non mi aspettavo di riuscire a fare un tempo simile, mai realizzato prima al’Ice Rink Pinè – spiega un raggiante Mirko Giacomo Nenzi – La dedica è per i miei allenatori Stefano Donagrandi e Giorgio Baroni, che mi hanno fatto conoscere questa specialità e mi hanno seguito con grande passione. Arrivo dal pattinaggio a rotelle e, sino a tre anni fa, non avevo mai messo i pattini da ghiaccio: ora eccomi sul primo gradino del podio alle Universiadi. E’ davvero un sogno d’oro. Ora mi aspettano i Mondiali sprint e soprattutto le Olimpiadi di Sochi. Prima, però, cercherò di dare il mio contributo al terzetto azzurro nella Team Pursuit: l’Italia può essere ancora tra le grandi nazioni del pattinaggio velocità”.

Classifica 1000 metri speed skating: http://winteruniversiade2013.sportresult.com//HIDE/en/-60/Root/ViewPdf/SSM010101_C73A_2.0.pdf