EIHC: l’Italia conquista il 2° posto. Vittoria all’overtime per 1:0 contro l’Ungheria

Pubblicato il

Al termine di una lunga sfida contro l’Ungheria, l’Italia conquista il secondo posto dell’Euro Ice Hockey Challenge alle spalle della Slovenia. Contro i magiari finisce con un inedito 1:0. Il goal partita è stato realizzato da Phil Pietroniro all’overtime, giocato in tre contro tre, dopo che nei tempi regolamentari nessuna delle due squadre era riuscita a produrre una rete. Shuout per il portiere Gianluca Vallini. 

Con un bilancio più che positivo di due vittorie, contro Bielorussia ed Ungheria, ed una sconfitta di misura contro la Slovenia, si chiude l’EIHC sloveno ed ora l’appuntamento sarà da aprile per un’intensa preparazione verso i Mondiali di Top Division in Slovacchia (Bratislava) in programma a partire dal giorno 1o maggio.

Sul fronte delle statistiche l’Italia ritorna ad una vittoria contro l’Ungheria che mancava dal novembre del 2014 e che era arrivata anche in quella circostanza dopo i regolamentari (EIHC a Budapest). Shutout per Vallini e come il suo avversario di reparto non potevano che essere i migliori delle rispettive squadre. In serata l’EIHC si concluderà con la sfida tra Slovenia e Bielorussia ma risultato ininfluente ai fini della classifica generale del torneo visto che anche in caso di vittoria della formazione ospite non muterà il loro quarto posto finale ed il primo dei balcanici.

Per la sfida contro l’Ungheria ritorna in porta Gianluca Vallini mentre la squadra gioca a quattro linee al completo. Rispetto alla sconfitta contro la Slovenia non ci sono Trivellato, Frigo, Miceli, Petan, Marchetti e Glira. Anche nell’Ungheria vistosi cambi dopo la vittoria contro la Bielorussia.

Partita subito vivace ed intensa. Si lotta su ogni disco e si gioca nelle rispettive zone offensive. Si pattina molto e si tira anche tanto ma il gioco è speculare. Difese arcigne e pronte ad usare le maniere forti per liberare lo slot. Con questo leitmotiv si gioca per 20’ ma il risultato non cambia. Nella prima parte di tempo sollecitato di più l’estremo avversario Rajna mentre nella seconda parte del primo periodo Vallini è molto determinato quando ci provano i cecchini magiari. Nel primo periodo si registra anche una penalità per parte ma nulla di fatto.

In apertura di secondo tempo Nemeth ha un disco buono ma Vallini si supera mentre per un’altra penalità sul conto degli Azzurri, l’Italia si difende con ordine dalla buona circolazione di disco degli avversari. Sembra che gli ungheresi possano imporre il loro gioco ma sono attimi. L’Italia riprende le sue veloci uscite di zone e tentativi di tiro. Evidentemente la mossa è azzeccata perché la formazione dell’est Europa incappa in due penalità consecutive che permettono all’Italia di avvicinarsi al goal ma che non arriva. I tentavi sono vari e da stecche diverse. Un’Italia comunque molto bilanciata tra attacco e difesa ed ancora lo 0:0 rimane sul tabellone anche nel secondo periodo.

L’Italia, nel terzo tempo, cerca di sfruttare il residuo di superiorità e parte di gran carriera impegnando un paio di volte l’estremo magiaro ma la porta avversaria sembra stregata. Ma al 42′ la superiorità è ungherese: il penalty killing azzurro è esemplare e quando c’è la maggiore pressione degli avversari, Vallini e la difesa salvano il disco sulla linea al termine di una grande baraonda. L’Italia ci riprova con una soluzione personale di Riccardo Lacedelli ma il suo back non è potente per superare il portiere avversario. Sicuramente il gioco si contrae vista la posta in palio anche se intorno al 53′ la gara ha una fiammata con azioni da una parte e dall’altra ma ancora nulla sul fronte delle marcature con due squadre che iniziano ad accusare un po’ di stanchezza. Si continua anche con soluzioni personali ma alla fine dei tre regolamentari è 0:0.

All’overtime, giocato in tre contro tre, ogni azione è un quasi pericolo. Ma al 62’ arriva la fine di questa sfida. Pietroniro si smarca, si ferma e prende la mira da media distanza e sfruttando lo stesso velo di un difensore magiaro che copre il suo portiere. Un goal che evita i rigori e riporta alla vittoria l’Italia contro l’Ungheria.

Le considerazioni di Tommaso Traversa, attaccante dell’Italia: “C’è sempre soddisfazione a vincere, soprattutto contro un avversario che conosci molto bene come l’Ungheria. Prima della partita ci eravamo posti l’obiettivo di arrivare alla vittoria contro i magiari visto che mancava da tanto tempo. Direi che abbiamo creato tante occasioni ed alla fine il risultato ci premia e dobbiamo anche ringraziare la difesa per come ha indirizzato la partita. Sul torneo c’è il rammarico della sfida contro la Slovenia perché sapevamo che era lo scoglio più duro. Dobbiamo sicuramente migliorare sul piano delle penalità per evitare di spendere energie ulteriori. Globalmente è sempre un’esperienza importante affrontare delle squadre ben attrezzate e che t’impegnano sul ritmo per tutto l’arco della gara. Ma quello che ci tengo a dire è che l’EIHC è importante per creare ed armonizzare il gruppo. Abbiamo davanti a noi un Mondiale di notevole spessore dove dovremo giocare all’unisono e di squadra. Alcuni avversari hanno dei roster con delle individualità di prim’ordine ma noi cercheremo di rispondere con il gruppo. Comunque esperienza molto positiva questo EIHC.”

EIHC – Bled – Slovenia – 9 febbraio

Italia – Ungheria 1:0 d.t.s. (0:0; 0:0; 0:0; 1:0)

Marcatori: 62:43 (1:0) Phil Pietroniro (Markus Gander)

Formazione Italia: Gianluca Vallini 62:43 (Jakob Smith); Michael Zanatta – Luca Zanatta (c); Phil Pietroniro – Lorenzo Casetti; Roland Hofer – Enrico Miglioranzi; Markus Gander – Raphael Andergassen – Ivan De Luca; Anthony Bardaro – Marco Rosa – Joachim Ramoser; Peter Hochkofler -Simon Kostner – Alex Frei; Riccardo Lacedelli – Tommaso Traversa – Marco Marzolini;

Formazione Ungheria: Rajna 62:43 (Kiss B.); Szabó – Macaulay; Garát – Fejes; Vokla – Kiss R.; Jászai – Imre; Németh -Nagy – Becze; Odnoga – Horváth – Vincze; Kiss P.- Miskolczi – Szita; Pavuk – Mihály;

Penalità: Italia 3×2’ – Ungheria 3×2’

Giovedì 7 febbraio
Italia – Bielorussia 3:2 (0:0; 3:1; 0:1)
Slovenia – Ungheria 4:1 (1:0; 1:1; 2:0)

Venerdì 8 febbraio
Bielorussia – Ungheria 3:5 (1:0; 1:2; 0:3)
Slovenia – Italia 2:1 (1:0; 0:0; 1:1)

Sabato 9 febbraio
Italia – Ungheria 1:0 d.t.s. (0:0; 0:0; 0:0; 1:0)
ore 19:30 Slovenia – Bielorussia

EIHC Tournament in BLED

#SquadraGPWW*L+/-PTS
1Slovenia220046
2 Italia311115
3Ungheria3102-24
4Bielorussia2002-30