Nazionale Senior: l’Italia chiude l’EIHC con una bella vittoria contro la Polonia per 4:3

Pubblicato il

L’Italia si congeda dalla Euro Ice Hockey Challenge di Budapest con una vittoria per 4:3 contro la Polonia nell’ultima giornata dell’Euro Ice Hockey Challenge di Budapest. Un successo ai tempi regolamentari che non si registrava dall’aprile 2016. La squadra azzurra si presenta a questo match senza Diego Kostner (ammalato) ed Alex Frei che all’ultimo ha rinunciato per un risentimento muscolare. In porta si è accomodato Marco De Filippo. La difesa è pressoché identica alle ultime due uscite mentre l’attacco è rivisto causa assenze. La Polonia si presenta a questo match a punteggio pieno avendo vinto sia contro l’Ungheria ed il Giappone.

L’Italia realizza subito dopo 56 secondi di gioco. Simon Kostner impegna con un tiro in diagonale l’estremo Murray, il disco ritorna in gioco dove irrompe Armin Hofer che va a realizzare il primo vantaggio con un tiro dalla distanza molto preciso. La gara non ha pause ed è molto combattuta. La Polonia risponde al 6’ con un tiro in diagonale di Lopuski che non lascia scampo alla difesa azzurra. Poi la gara continua con continui capovolgimenti di fronte ed una Polonia aggressiva. Michael Cichy si lancia in contropiede ma viene steso da Luca Zanatta. Ne segue un rigore ma il tiro dell’attaccante biancorosso è centrale ed è neutralizzato dal portiere azzurro. Poi l’Italia capitalizza gli ultimi minuti del primo tempo. Al 14’ Matthias Mantinger semina lo scompiglio nella retroguardia avversaria e poi sulla continuazione dell’azione serve il disco per l’accorrente Jan Pavlu che da posizione defilata realizza il nuovo vantaggio azzurro. Ma non è finita perché al 17’ l’Italia fa tris. Lambacher crede in un disco indirizzato verso la porta avversaria: l’attaccante altoatesino è velocissimo e serve al centro Raphael Andergassen che con un tocco morbido fa secco Murray.

Nella ripresa è ancora Italia. Si distingue Michele Marchetti che in tuffo davanti porta depone in rete il 4:1 per un Italia molto decisa in attacco e che segna in powerplay. Il goal chiaramente risveglia l’orgoglio degli avversari che ci mettono molto impegno e dedizione. L’Italia si difende con ordine e cerca di contrastare la manovra avversaria. Ma a meno di un minuto dal secondo intervallo la Polonia dimezza lo svantaggio con un tiro dalla blu di Rompkowski che s’insacca nel traffico in occasione di un powerplay (2:4).

Nel terzo tempo la Polonia cerca di riaprire in tutti i sensi la gara ma l’Italia resiste. Al 46’ gli avversari fanno il terzo goal con Michael Cichny che sfrutta un errato disimpegno nel terzo difensivo azzurro. Ma il goal non scalfisce l’animo dell’Italia che gioca a testa alta e cerca anche di riportare il gioco in attacco. Dopo un powerplay biancorosso in cui l’Italia si difende bene si arriva ai minuti finali in cui la Polonia tenta il tutto per tutto ma la squadra azzurra è esemplare e vince per 4:3. Una bella iniezione di fiducia per il gruppo azzurro ed il coaching staff.

Si conclude quindi con due sconfitte (Giappone ed Ungheria) ed una vittoria contro la Polonia l’EIHC di Budapest. Il prossimo impegno sarà a metà febbraio 2018 in Polonia per uno nuovo Ice Hockey Challenge contro i padroni di casa, l’Ungheria ed il Kazakistahn. Un grande antipasto di quello che saranno i Mondiali di Divisione I – Gruppo A di Budapest ad aprile.

I commenti del dopo gara.

Clayton Beddoes – head coach:Sono molto soddisfatto di questa vittoria fatto di grande lavoro e sacrificio. La squadra ha giocato all’unisono sia in difesa che in attacco ed ha dimostrato molto orgoglio. Ci sono stati degli errori anche individuali e d’inesperienza e con il possesso del disco ma se guardiamo in generale è stata una buona prova. Devo dire che tutti si sono impegnati a fondo con grande grinta ed energia e si è creato un grande feeling e spirito di squadra. Direi che è stata globalmente un’esperienza positiva ed anche i giocatori più giovani hanno dimostrato molta attitudine per giocare in Nazionale nel futuro.”

Giorgio de Bettin – vice coach: “Contro la Polonia siamo riusciti a capitalizzare quello che non siamo riusciti a fare contro Giappone e Polonia. Ma anche nelle prime due gare abbiamo fatto bene, solo che non siamo riusciti ad essere concreti. La squadra quindi ha dimostrato di saper lavorare anche contro un avversario che non ha mai mollato la presa dimostrando molta energia e voglia di battersi. Dopo questo torneo abbiamo sicuramente una rosa allargata da cui scegliere.”

Luca Zanatta – capitano:È stato un grandissimo onore indossare la maglia dell’Italia con i gradi di capitano. La cosa più bella della partita è stata cantare tutti insieme l’inno italiano nel fine gara. Direi che il coach ci ha permesso di giocare con grinta, cuore ed anche una certa libertà rispetto agli schemi prefissati a secondo della situazione che si veniva a creare in pista. Una positiva esperienza da parte di tutti.”

Polonia – Italia 3:4 (1:3; 1:1; 1:0)

Marcatori: 00:56 (0:1) Armin Hofer (Simon Kostner); 06:50 (1:1) Mikolaj Lopuski (Marcin Kolusz); 14:53 (1:2) Jan Pavlu (Matthias Mantinger/Raphael Andergassen); 17:21 (1:3) Raphael Andergassen (Alex Lambacher/Armin Hofer); 21:32 (1:4) Michele Marchetti (Roland Hofer/Edoardo Caletti) in sup.num.; 39:09 (2:4) Mateusz Rompkowski (Patryk Wronka/Aron Chmielewski) in sup.num.; 46:38 (3:4) Michael Cichy (Patryk Wronka);

Formazione Polonia: John Murray 59:00 (Odrobny Przemyslaw); Bartlomiej Pociecha – Pawel Dronia; Patryk Wajda – Jakub Wanacki; Adam Borzecki Mateusz Rompkowski; Kamil Kalinowski; Krzysztof Zapala – Mikolaj Lopuski – Marcin Kolusz; Michael Cichny -Patryk Wronka – Adam Domogala; Filip Komorski – Aron Chmielewski – Maciej Urbanowicz; Kamil Kalinonowski; Kacper Guzik; Allenatore Ted Nolan;

Formazione Italia: Marco De Filippo Roia 60:00 (Gianluca Vallini); Jan Pavlu-Stefano Marchetti; Luca Zanatta (c) – Armin Hofer; Roland Hofer-Michael Angelo Zanatta; Daniel Glira – Alex Trivellato (ass.); Luca Frigo-Tommaso Goi-Michele Marchetti; Matthias Mantinger – Raphael Andergassen – Simon Kostner; Viktor Schweitzer – Edoardo Caletti – Tommaso Traversa; Alex Lambacher; Allenatore: Clayton Beddoes; Assistente Giorgio De Bettin;

Tiri in porta: Polonia 33 (11/10/12) – Italia 21 (10/7/4)

Penalità: Polonia 3×2’ – Italia 3×2’

 

Calendario/Risultati – EIHC – Budapest – Tüskecsarnok – 10-12 novembre

Venerdì 10 novembre
Giappone – Italia 2:1 (0:0, 2:0, 0:1)
Ungheria – Polonia 1:4 (0:1; 1:2; 0:1)

Sabato 11 novembre
Polonia – Giappone 3:2 (1:1; 1:0; 1:1)
Ungheria – Italia 5:2 (2:1, 0:1, 3:0)

Domenica 12 novembre
Polonia – Italia 3:4 (1:3; 1:1; 1:0)
Ungheria – Giappone 3:4 ot

Classifica: Polonia 6 punti; Giappone 5 punti; Ungheria 4 punti; Italia 3 punti;

La foto ritrae Michele Marchetti che ha realizzato nel torneo complessivamente due reti.

La foto è di Pawła Bialica/PZHL.